La Parola ad Agostino

È morto affinché tu possa vivere

Chi ragiona ancora secondo la carne, non può comprendere ciò che dico. In attesa di poter comprendere, cominci a credere, ascoltando quanto segue: Chi crede nel Figlio ha la vita eterna; chi si rifiuta di credere al Figlio non vedrà la vita, ma la collera di Dio rimane su di lui (Gv 3, 36). Non dice: l’ira di Dio viene su di lui, ma l’ira di Dio rimane su di lui. Quanti nascono mortali portano con sé l’ira di Dio. Quale ira di Dio? Quella che colpì il primo Adamo. Allorché il primo uomo peccò e si sentì dire: Sarai colpito dalla morte (Gn 2, 17), diventò mortale, e noi pure si cominciò a nascere mortali sotto il peso dell’ira di Dio. È  venuto poi il Figlio senza peccato, e si è rivestito di carne, si è rivestito di mortalità. Se egli ha voluto partecipare con noi dell’ira di Dio, esiteremo noi a partecipare con lui della grazia di Dio? Ecco perché su colui che non crede nel Figlio rimane l’ira di Dio. Quale ira di Dio? Quella di cui parla l’Apostolo: Eravamo anche noi, per natura, figli dell’ira come gli altri (Ef 2, 3).

Tutti figli dell’ira, perché discendiamo dalla maledizione della morte. Credi in Cristo, che per te si è fatto mortale, affinché tu possa raggiungere lui immortale; quando infatti avrai raggiunto la sua immortalità, cesserai anche tu di essere mortale. Egli viveva e tu eri morto; è morto affinché tu possa vivere. Ci ha recato la grazia di Dio, ci ha liberati dall’ira di Dio. Dio ha vinto la morte affinché la morte non vincesse l’uomo.

Agostino, omelia 14,13 sul Vangelo di Giovanni  

2017-06-28T12:47:08+00:00