La Parola di Agostino

Ti cerco perché ti sei perduto

Allora fai attenzione, fratello; ascoltami, ti supplico. Tu mi domandi:

Perché mi cerchi? Io ti rispondo: Perché sei mio fratello! Tu insisti e dici: Se mi sono perduto, perché mi cerchi? E io ti rispondo: Se non ti fossi perduto, non ti cercherei. Perché mi cerchi, mi dici? Se sono perduto, perché mi cerchi? E io ti rispondo: Ti cerco perché ti sei perduto. E per qual motivo ti cerco, con quale finalità ti cerco?

È perché, una buona volta, mi si dica: Tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato. Tu mi rispondi e dici: Ma io possiedo il sacramento. D’accordo, lo possiedi e lo riconosco; è precisamente per questo che ti cerco. Tu hai aggiunto una motivazione determinante perché io ti cerchi con maggiore diligenza. Sei infatti una pecora del gregge del mio Signore; ti sei smarrita con il suo marchio. Per questo ti cerco di più, perché tu hai il mio identico contrassegno. Perché non possediamo l’unica Chiesa? Abbiamo un identico contrassegno; perché non ci troviamo nell’unico ovile?

Per questo ti cerco, affinché questo sacramento sia per te un mezzo di salvezza, non un motivo di condanna. Non sai che il disertore è condannato per la sua divisa, che è titolo di onore per il buon soldato? Per questo precisamente ti cerco, perché tu non perisca con quel marchio…

Cambia il cuore di questo contestatore, tu, che sulla croce, nel giro di un’ora, hai trasformato il ladrone!”.

Agostino, discorso ai fedeli della chiesa di Cesarea

2018-04-14T15:47:11+00:00